Georgie, la gatta morta degli anime giapponesi

Sfido chiunque a non aver pensato per un attimo, o anche 100 attimi, che Georgie sia stata la gatta morta più gatta morta in assoluto tra tutte le protagoniste degli anime giapponesi.

Già solo ascoltare la sigla mi faceva venir voglia di andare in Australia, tirarle 25 koala addosso e vedere se dopo aveva ancora voglia di correre felice per i prati con i suoi occhioni azzurri brillanti e vivaci.

Dite che sono leggermente invidiosa?

Sono invidiosa, esatto, eccome se sono invidiosa! Perché, voi no?

Questa ragazzina nasce con i capelli dorati e perfettamente ondulati, il fisico da top model, un sorriso dolcissimo, un assurdo e inconcepibile innato ottimismo, l’amore incondizionato per la vita e la fastidiosa tendenza a vedere sempre il bicchiere mezzo pieno, anche quando la madre la manda a pulire la merda delle vacche.

Georgie-gatta-morta-anime-giapponesi

Cioè, insopportabile.

Oltre a ciò, aggiungiamo il fatto che la fanciulla aveva dietro praticamente mezza Australia, compresi i fratellastri e, come se non bastasse, anche le donne le facevano il filo. Però, quando provavi a spiegarle che tutti erano innamorati di lei, spalancava gli occhi fatati e diceva:

Ma io…ma io…oh, non lo sapevo!

Seee, va beh.

Comunque, ripercorriamo velocemente la sua storia, perché anche le gatte morte come Georgie meritano un minimo di attenzione: dubito di poter imitare il suo atteggiamento (tipo già correre felice per i prati mi suona male), ma magari riesco a capire quale cavolo era il suo segreto.

Georgie è una povera trovatella che è stata abbandonata e successivamente adottata dalla famiglia Butman, i cui componenti sono appunto il buon signor Butman, l’odiosissima signora Butman e i due gemelli destinati a diventare gli uomini più fighi di tutta l’Australia: Abel e Arthur.

La bambina cresce convinta che quelli siano i suoi veri parenti, e nessuno si azzarda a rivelarle la verità. Da nana formato pocket, Georgie si trasforma in un battibaleno in una adolescente tanto bella quanto cretina. Abel e Arthur infatti le sbavano dietro, ma lei nisba, non si accorge di nulla e passa il tempo ad inseguire koala incredibilmente veloci.

Apriamo una piccola parentesi su questi due gemelli esagerati: Abel è l’incarnazione del macho man: capello fluente castano, occhi blu, fisico scultoreo, questo ragazzotto di campagna scorrazza praticamente sempre a petto nudo, sollevando balle di fieno che pesano quintali come fossero mazzi di margherite e andando a cavallo come un fantino del palio di Siena. Inoltre, è una specie di cavernicolo: impulsivo, sanguigno, testardo, di quelli che invece di dirti “ti amo” preferisce ruttare e lanciarti in camera da letto.

Georgie-gatta-morta-anime-giapponesi

Per caso si è capito che mi piaceva Abel?

Arthur, dal suo canto, è grazioso ma troppo gentile e comprensivo: anche se gira con la camicia perennemente aperta sul petto villoso non può minimamente competere col fratello.

Quindi, ricapitolando: Abel e Arthur amano Georgie, ma Georgie non lo sa, e soprattutto Georgie si innamora del giovane Lowell.

Apriamo un’altra parentesi su questo deprimente essere umano: Lowell è un ragazzo nobile, ricco e malaticcio, la cui faccia è la versione maschile di quella di Georgie, solo con i capelli più corti e un patetico ciuffo laterale che gli copre l’occhio sinistro, un po’ alla Capitano Harlock, ma moooolto meno efficace.

Georgie-gatta-morta-anime-giapponesi

I due giovani si incontrano casualmente in mezzo ai boschi, ed è subito amore.

Un amore che si riconferma durante un “Boomerang contest”(no, non è uno scherzo, Georgie era bellissima, dolcissima e pure campionessa nel lancio di boomerang), al quale la ragazza partecipa travestita da maschio. Cioè, travestita. Si mette due bretelle e infila i capelli all’interno di un berretto. Finito il travestimento. E chiaramente nessuno la riconosce.

Boh.

Al termine di questo entusiasmante contest, il vincitore ottiene in premio il bacio della affascinante Elisa, la fidanzata di Lowell. Non appena si rende conto di ciò che sta per accadere, Georgie si leva il cappello, scuote la bionda chioma ed esce allo scoperto. Lowell interviene subito, fermando Elisa e regalando a Georgie la sua prima super-limonata.

Georgie-gatta-morta-anime-giapponesi.jpg

Altro che correre con i koala, vero Georgie?

Abel assiste alla scena e, da vero uomo delle caverne qual è, prende la rincorsa e sgancia a Lowell un pugno alla Mike Tyson, facendolo volare fino in Nuova Zelanda. E anche lì, a Georgie mica salta in mente di pensare che la cosa sia un tantino strana.

La situazione si fa sempre più bollente. Lowell infatti, durante una notte di pioggia (e ti pare che non piove quando due amanti si incontrano), va sotto casa della ragazza e insieme si recano, indovinate dove?

In un fienile, ovvio.

Pioggia battente e fienile sono un’accoppiata super.

La madre di lei vede tutto e inspiegabilmente non la prende tanto bene. Inizia a pensare che Georgie è una sgualdrina e soprattutto trova offensivo il fatto che lei se la spassi con un altro mentre i fratelli la bramano.

Va beh, ma se nessuno le diceva che non erano i suoi veri fratelli…poi ovvio che una cerca altrove.

Dopo il fattaccio, la signora Butman vomita addosso a Georgie la verità sulle sue origini e la sbatte fuori di casa senza tanti complimenti. Nel frattempo Lowell riparte verso l’Inghilterra lasciando l’amata con questa vaga promessa:

Lascio Elisa e torno.

Mmmmmmmmmmmmmmmmmmm.

Georgie-gatta-morta-anime-giapponesi.jpg

La fanciulla non aspetta e, venuta a conoscenza anche del lieve trasporto poco fraterno di Abel e Arthur nei suoi confronti, si ri-traveste da maschio (quindi di nuovo bretelle e berretto) e si imbarca su una nave diretta a Londra.

E i gemelli?

La seguono, che domande.

Giunta nella capitale londinese, Georgie ritrova Lowell (che culo!) e insieme scappano, dato che lui non riesce a scaricare la ricca fidanzata (e diceva che sarebbe tornato in Australia! Gli uomini…). Peccato che il ragazzo sia una cazzo di zavorra, pesante a livelli dostojevskiani: gli viene la tubercolosi, non fa altro che tossire e lamentarsi di quanto stia male e a malapena si alza dal letto. In effetti somiglia al mio fidanzato quando ha 37 di febbre.

Georgie per un po’ lo sopporta poi, constatando la gravità delle sue condizioni, lo rimanda dalla legittima fidanzata, non senza versare una valle di lacrime.

Da qui in poi i miei ricordi si fanno parecchio nebulosi. L’amica Wiki dice che nel manga la signorina, libera dalla Lowell-zavorra, riabbraccia i fratelli e in particolare Abel, accorgendosi finalmente di questo rozzo protomaschio che vuole strapparle i vestiti di dosso. I due copuleranno allegramente, ma senza sfigah che razza di anime sarebbe? Difatti Abel muore, ucciso da un tipo che tra l’altro aveva anche sequestrato il povero Arthur.

Georgie-gatta-morta-anime-giapponesi.jpg

Nel cartone invece, i tre ex-fratelli tornano dritti dritti in Australia e poi boh, chi vivrà vedrà. Non si capisce se Georgie sceglierà di stare con Abel, Arthur o con tutti e due o se fingerà ancora di fare la gatta morta per il quieto vivere di…di…

Di chi? Georgie, senti a me, che ho quasi 40 anni e un pochino di esperienza in più: prendi Abel, portalo al fienile e sollazzati a più non posso!

Non ho forse ragione?

Beh, Georgie senza dubbio merita il primo posto come gatta morta all’interno degli anime giapponesi. Da lei abbiamo imparato che:

  • Per avere successo con gli uomini devi sorridere sempre, essere dolce, leggiadra, ingenua, scontata e ottimista. In pratica è un miracolo che io sia fidanzata.
  • In amore vince chi fugge. Guarda un po’, questa dall’Australia va in Inghilterra e i suoi spasimanti la seguono, immediatamente.
  • Se non hai un fienile dove rifugiarti in piovose circostanze, beh, procuratelo. Può sempre essere utile.

Mi congedo con questa immagine:

Georgie-gatta-morta-anime-giapponesi

Abel, sei secondo solo ad Alberto Angela!

E a voi piaceva questo cartone? Ma soprattutto per chi facevate il tifo: per Abel o per Abel?

Rispondete nei commenti! Io intanto vado in Australia a cercare Abel.

 

 

21 pensieri su “Georgie, la gatta morta degli anime giapponesi

  1. Come sempre mi hai fatto morire…ma sai che non ricordavo la storia???per fortuna che ci sei tu amica mia!!! Io amavo molto Arthur ammetto e ricordo puntate in cui lui la scaldava perchè aveva la febbre…che anche noi quando abbiamo la febbre co scaldano così no????
    Mah….a chi tutto e a chi niente 🙂

    Piace a 1 persona

  2. George si era gatta morta ma devo correggere una cosa: non era stata abbandonata; figlia di nobili inglesi che per un inganno furono cacciati in Australia con l’accusa di alto tradimento. La madre muore mentre tenta di fuggire con la pargola in mano. A Londra incontrera’ il suo ricchissimo padre che, riscartatosi con la Regina, e’ diventato paraculo di corte. Le offrira’ immense ricchezze e qui George rifiutera’ tutto x tornare a spalare merda di vacca in Australia con il fratello.
    Gatta morta, ingrata e fessa! Ciao 😉

    Piace a 3 people

  3. Precisazione dai pochi ricordi che ho: anche nel cartone si fa pure Arthur che condannato a morte per tradimento (mi pare) riceve la sua visita la notte prima della condanna. Dopo non ricordo se torna in Australia con Abel, ammetto che pensandoci a posteriori abbiamo avuto dei begli insegnamenti.

    Mi piace

  4. spezzo una lancia per la povera georgie. io non la trovavo così gatta morta. non è colpa sua se era una ragazza così amabile e tutti si innamoravano di lei… comunque in realtà lo sai che questa storia nel manga e anche nell’anime originale era molto più crudele e perversa? il cartone è stato tagliato e ricucito molte volte, sopratutto nel finale (che difatti lascia molto un senso di strano e d’inespresso). devi sapere che il povero arthur veniva rapito e praticamente violentato, per esempio… non me lo sto inventando io per il gusto di pervertire sempre tutto. è proprio così. sempre per il discorso che in giappone i cartoni sono anche per un pubblico non bambino…

    Piace a 1 persona

  5. Guardo ahimè ogni mattina questo cartone, mi sveglio e me lo ritrovo li, non posso sfuggire….e ho anche i manga. Insomma, mi piace farmi del male XD
    In ogni caso, si, Georgie è fastidiosa….ma i due personaggi che considero più fastidiosi in assoluto sono ABEL (non uccidetemi) e Lowell.
    Lowell per lo stesso motivo tuo: uomo più inutile sulla faccia della terra non si era mai visto (bhe, forse il padre di Gumball).
    Abel perchè è egoista oltre ogni immaginazione, altro che amore!
    Arthur invece è adorabile, lui si che la ama… ❤

    Menzione speciale va allo zio Kevin che, almeno nell'anime, riesce sempre a dare il consiglio sbagliato al momento sbagliato. Cioè parliamone: Georgie poteva essere adottata da una ricca signora e imparare a disegnare e cucire abiti di lusso e sembrava fatta…se lo zio Kevin non avesse consigliato ai fratelli di non farsela sfuggire. Idem con l'amico che padre, che era venuto a cercarla e lui consiglia loro di non farsela sfuggire (e ovviamente loro fraintendono e quindi mentono per non farla trovare).
    Potremmo dire che la sfortuna di Georgie è proprio quella di essere tanto amata da tutti! Alla fine, a parte la sfuriata, quella che ha fatto di più per Georgie è proprio la madre!

    Barbara

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.