La Divina Commedia Approssimativa, canto XIII: non aprite quel bosco

Nell’ultimo post divino eravamo rimasti insieme a Dante nel cimitero degli eretici, dove spiacevoli incontri avevano peggiorato il già pessimo umore del nostro poeta. Vi risparmio l’undicesimo canto, nel quale Virgilio espone il suo pippone didascalico sul criterio distributivo delle anime nell’Inferno, e il dodicesimo, dove i due pellegrini incontrano il Minotauro e vedono altra gente morta. C’è poi una piccola parentesi sportiva: Dante sale in groppa … Continua a leggere La Divina Commedia Approssimativa, canto XIII: non aprite quel bosco

Caracalla: l’imperatore che visse imperando e morì…

Lo scorso pomeriggio, mentre sfogliavo un numero di Focus, ho letto un trafiletto che parlava di Caracalla, un imperatore romano vissuto verso la fine del II secolo dopo Cristo, e del suo infelice matrimonio con una certa Plautilla. Per approfondire ho googlato un po’ qua e là, e ho scoperto dettagli particolarmente approssimativi e degni del mio blog. Avendo fatto studi classici, ovviamente il nome … Continua a leggere Caracalla: l’imperatore che visse imperando e morì…

La didattica a distanza, le video-lezioni e quel re persiano che osò sculacciare il mare

In questi ormai ben più di 40 giorni di reclusione ho imparato a seguire una routine che impegna bene o male tutte le giornate, lasciandomi anche sufficiente tempo per le mie consuete seghe mentali&paranoie metafisiche che alterno volentieri alle occupazioni ultra-sedentarie da praticare rigorosamente seduta/spaparanzata sul divano: lettura, Netflix, La Settimana Enigmistica (le barzellette sono sempre irrimediabilmente penose), l’osservazione dei vetri delle finestre che se … Continua a leggere La didattica a distanza, le video-lezioni e quel re persiano che osò sculacciare il mare

La Divina Commedia Approssimativa, canto decimo: le profezie, quelle brutte

Una volta superata la palude dello Stige e dopo aver assistito a una mezza rissa tra zio Virgilio e un pericoloso assembramento di diavoli incazzati perché Dante è privo di autocertificazione, i nostri pellegrini vengono soccorsi da un “messo celeste” inviato dalle alte sfere…evidentemente la formula “vuolsi così colà dove si puote” eccetera eccetera funzionava solo fino a pagina due, altrimenti che razza di Inferno sarebbe … Continua a leggere La Divina Commedia Approssimativa, canto decimo: le profezie, quelle brutte

C’eravamo tanto odiati: la storia di Agrippina e della sua famigliola infelice, parte 2

L’ultimo post si era concluso con il matrimonio tra Agrippina e lo zio Claudio, cosa che aveva portato la nostra eroina da reietta-della-società-abbonata-all’-esilio a nientepopodimeno che imperatrice. Chiamiamolo avanzamento di carriera, chiamiamola gran botta di culo, fatto sta che adesso che è diventata first lady Agrippina non ne vuole proprio sapere di retrocedere alla posizione precedente, quindi si affretta a consolidare quella appena conquistata. Come … Continua a leggere C’eravamo tanto odiati: la storia di Agrippina e della sua famigliola infelice, parte 2